Dieci bastioni (undici se contiamo la piattaforma di San Frediano) completano il “puzzle” murario di Lucca. città di Lucca. Meraviglia del Medioevo, in un’epoca turbolenta durante la quale il conglomerato di repubbliche e città stato si cannibalizzavano a vicenda di fronte agli sguardi delle monarchie italiano e francese o dell’imperatore di Hausburg, Lucca fu incredibilmente risparmiata dagli alti e bassi della guerra continua che devastò le città toscane. Ecco perché, miracolosamente, le mura rinascimentali di Lucca non sono mai state “ferite” da attacchi.

Piazza del Mercato, l'antico anfiteatro di Lucca.Piazza del Mercato, il vecchio anfiteatro di Lucca

Luogo di nascita del famoso compositore d’opera. PucciniLucca, elegante, accessibile, confortevole e soprattutto adatta al cittadino, quando si visita Lucca fa venire voglia di tornare un giorno a viverci per un po’.

Il guida di Lucca Iniziamo entrando attraverso Porta San Pietro da Piazza del Risorgimento. Passando la chiesa di Santa Maria Corteorlandini e il Palazzo Mazzarossa, arriviamo al Piazza Napoleone (meglio conosciuta come Piazza Grande), con il Palazzo Ducalecon la sua monumentale facciata ocra, oggi sede del governo provinciale. Il palazzo fu costruito da Bartomelo Ammannati, che lo progettò nel XVI secolo, e anche se non fu costruito nella sua interezza, la mano dell’architetto lasciò spazi come i bei cortili e le logge.

Uscendo di nuovo nella piazza, in direzione opposta al Palazzo Ducale, raggiungiamo rapidamente lo spazio costituito dalle piazze di San Martino, Antelminelli e San Giovanni, che collegano il centro religioso della città con la Duomo di San Martinoil Battistero e il Chiesa di Santa Reparata. Quest’ultimo è stato la sede della cattedrale fino alla costruzione del Duomo, con radici da templi risalenti al II secolo a.C., su cui è stata costruita la chiesa. Le tracce della basilica del V secolo, delle modifiche successive del X e soprattutto del XII secolo, e visibilmente sulla facciata del XVII secolo, sono state sovrapposte in costante modifica. Annesso alla chiesa, il Battistero fu ricostruito nel XIV secolo nel transetto sinistro, coperto da un tetto gotico ogivale. I resti della domus romana, le terme e la chiesa paleocristiana possono essere visitati sotto l’edificio.

Cattedrale di Lucca del XII secolo in stile pisano. ©Maria Calvo.San Michelle in Foro del XII secolo in stile pisano. ©Maria Calvo.

Bello e armonioso è il Cattedrale romanica (XI secolo)con la sua facciata di marmo bicromatico, con un ingresso ad arco e tre livelli decorati con archi colonnati. A destra c’è il campanile che completa l’asimmetria della chiesa. L’interno ospita alcuni capolavori come la Deposizione di Nicola Pisano, San Paolo e San Sebastiano di Domenico Ghirlandaio, e nella sacrestia il Tomba di Ilaria del Carretto (1408), la cui copertina è scolpita con eleganza e semplicità da Jacopo della Quercia. Un’altra attrazione è il cosiddetto Volto Santouna statua di legno intagliato di Cristo, attribuita dalla Chiesa a Nicodemo, presente alla crocifissione.

Ritorniamo sui nostri passi lungo Via del Battistero fino ad incrociare Via Cernami dove giriamo a destra fino a raggiungere Via Fillungooccupato per i negozi e una gioia per gli occhi per i palazzi rinascimentali che sono stati eretti lungo di esso, oltre al Torre delle OreLa Torre delle Ore del XIII secolo, la torre più alta della città e dalla quale possiamo salire per vedere Lucca dall’alto. All’interno possiamo vedere il meccanismo dell’orologio che dà il nome alla torre.

Qui giriamo a destra e seguiamo il sentiero che ci porta al Palazzo e al Torre Gunigi, intorno al quale i ricchi mercanti di Lucca fecero costruire sontuosi palazzi. È intrigante il fatto che la torre di 44 metri è coronata da un “cappello” di piccoli alberi, offrendo una curiosa foto dalla cima.

Da qui ci dirigiamo di nuovo verso nord per entrare in uno dei luoghi più significativi e belli di Lucca, il Piazza del Mercatoche nasconde sotto la pelle delle facciate, lo scheletro di pietra dell’antico Anfiteatro romano (177 a.C.)Oggi è visibile solo per la sua forma e per alcune pareti di roccia che, se percorriamo le vie della piazza, ci permettono di vedere come sporgono archi, colonne e altre parti dell’ossatura romana. Nei giorni di mercato si può sedere nei caffè all’interno della piazza e pensare di essere nel luogo dove 2000 anni fa i gladiatori duellavano fino alla morte.

Resti dell'anfiteatro inserito negli edifici.Resti dell’anfiteatro inserito negli edifici.

Nelle vicinanze si trova la basilica di San Frediano, la cui semplice facciata era ornata da uno spettacolare mosaico raffigurante l’Ascensione. L’austero interno contiene numerose opere sacre, tra le quali spiccano ancora una volta quelle di Jacopo de Quercia.

Artigianato di Lucca. Pinocchio, Pinocchio è un nativo della zona. Il Parco di Pinocchio si trova a Collodi, molto vicino a Lucca. Foto di ©María Calvo.Artigianato di Lucca. Pinocchio, Pinocchio è un nativo della zona. Il Parco di Pinocchio si trova a Collodi, molto vicino a Lucca. Foto di ©María Calvo.

Scendiamo ora per via Battisti per attraversare San Giorgio verso San Michelela piazza dove sono visibili edifici medievali dai toni caldi, forse per ricordare che è qui che si svolgeva la vita romana del foro che si trovava in questo luogo. È per questo che la chiesa si chiama San Michele in Foro, con il suo arcangelo vigile che corona la facciata gotica ornata che presiede la chiesa romanica.

Chiesa di San Michele in ForoChiesa di San Michele in Foro

Un bel percorso circolare lungo le mura della città ci permette di vedere come sono state disposte con spazi pedonali e ciclabili, con viali alberati lungo gli antichi bastioni di Lucca.

Mappa turistica di LuccaMappa turistica di Lucca

Come abbiamo detto Giacomo Puccini è il figliol prodigo di Lucca, in una città con una sensibilità speciale per la musica. Grazie agli itinerari dell’ufficio turistico possiamo visitare alcuni punti importanti della sua vita come la Casa Museo, o la sua statua.

Statua di PucciniStatua di Puccini

Cosa vedere cosa fare a Lucca.

Se avete intenzione di rimanere per un paio di giorni, non è una cattiva idea prendere la Lucca Card, che vi dà l’ingresso ai musei, tra cui il Museo del Fumetto, il MUF, e vi offre anche la possibilità di noleggiare una bicicletta per conoscere Lucca.

La gastronomia e il vino della Toscana sono molto noti e assaggiarli a Lucca può essere un’ottima idea. Formaggi, carni e salumi, dolci, olio, pasta preparata in mille modi e naturalmente i vini.

Alla periferia di Lucca, a circa 30 minuti di auto, si trova il Parco di Pinocchiouna delle attività più adatte per una vacanza con bambini in Toscana.

Come trovarci

Il stazione ferroviaria è molto vicino al centro in Piazza Ricasoli, a pochi minuti a sud delle mura della città, con Porta San Pietro che è la più vicina. I treni collegano Lucca con Firenze, Pisa o Viareggio. L’altra opzione di trasporto pubblico è il autobus che partono ogni giorno da Firenze (partono da Piazzale Aduam di fronte alla stazione di Santa Maria Novella e la compagnia è F.lli Lazzi) o da Pisa (anche autolinee F.lli Lazzi) fino a Piazza Verdi, dove si trova la stazione degli autobus.

Il centro di Lucca è quasi chiuso al traffico, quindi il modo migliore per muoversi è a piedi o in bicicletta attraverso le numerose aree pedonali.

Se arriviamo con auto In auto privata o a noleggio, prendere l’uscita Lucca Est o Lucca Ovest dell’autostrada A11 Firenze Mare, arrivando da Firenze.

Se arrivate con aereoil aeroporti Gli aeroporti più vicini sono il Galileo Galilei di Pisa, per poi raggiungere Lucca in autobus o in treno da Pisa, o l’Americo Vespucci di Firenze.